Stefano Bon Official Website

20 Novembre 2008

Scrivere….

Dal racconto di Alice Munro “Mobili di famiglia”: “Non pensai alla storia che avrei scritto su Alfrida - non a quella in particolare - ma al lavoro a cui volevo dedicarmi, più simile ad una mano che acciuffi qualcosa nell’aria che alla costruzione di storie. Le grida della folla mi arrivavano come un violento battito cardiaco, pieno di sofferenza. Solenni, splendide onde sonore con il loro remoto consenso e il loro lamento quasi sovrumano. Era questo che volevo, questo su cui pensavo di dovermi concentrare; così volevo la vita.

Archiviato in: Perché? — Stefano @ 22:49

Nessun Commento »

Lascia un tuo commento